Ora Google Chrome ha due profili diversi, ovvero due Persone, quella di partenza, supponiamo si chiami “Casa” e quella appena creata “Lavoro”. Passare da un profilo all’altro in Chrome è molto veloce: a Chrome avviato si può usare l’icona in alto a sinistra che rappresenta l’avatar della Persona (o profilo), all’avvio di Chrome, invece, tramite i link eventualmente creati sul desktop durante la creazione della nuova Persona.

Per tenere quindi separati i dati sincronizzati fra i vari utenti, potete legare l’account Google alla specifica Persona eseguendo l’accesso all’account nome.utente.lavoro@ gmail.com quando si è nel profilo “Lavoro” e all’account nome.utente.casa@ gmail.com quando siete nel profilo “Casa”.

In questo modo la sincronizzazione dei dati viene mantenuta separata fra i due profili, ovvero è ogni account Google è stato collegato ad un determinato profilo o Persona di Google Chrome.

Su qualsiasi installazione di Chrome in cui volete sincronizzare i dati potete creare i due diversi profili, oppure tenerne solo uno su alcuni device, l’altro su altri ed entrambi su altri ancora. La situazione potrebbe essere questa:

  • PC portatile:
    • Profilo “Casa”: accesso all’account nome.utente.casa@ gmail.com
    • Profilo “Lavoro”: accesso all’account nome.utente.lavoro@ gmail.com
  • PC a Lavoro:
    • Profilo “Lavoro”: accesso all’account nome.utente.lavoro@ gmail.com
  • PC a Casa:
    • Profilo “Casa”: accesso con l’account nome.utente.casa@ gmail.com

I nomi dei profili (o Persone) non è necessario siano uguali, quello che conta è che siano associati allo stesso account Google con cui sincronizzarsi. Per comodità però è meglio usare sempre gli stessi nomi.